Petracone V (? - 1704)

Petracone V (? - 1704)

Olio su tela, cm 204x122, autore ignoto, prima metà del XIX secolo.
Archivio Gruppo "Umanesino della Pietra" - fondo Caracciolo de' Sangro sez. iconografica.

Combattè un duello con Cosimo d’Acquaviva duca delle Noci per una vecchia contesa (nata tra i loro genitori) sui confini tra Mottola e Noci. Il 19 Luglio 1665 il duca delle Noci morì, ma la lite sui confini terminò solo nel 1726. Petracone trasferì la sua residenza da Buccino a Martina dove nel 1668 edificò un palazzo dove sorgeva il castello di Raimondo Orsini. Spese 60.000 duc. ma il palazzo non fu mai terminato. Nell’insurrezione di Messina ebbe il comando di 1/3 di fanteria ed il grado di mastro di campo. Nel 1702, vecchio e cieco si recò a Napoli a giurare fedeltà a Filippo V re di Spagna. Morì il 6 Gennaio 1704 a Martina e fu sepolto nella chiesa dei Padri riformati. I suoi feudi furono: Martina e Mottola in Terra d’Otranto; Locorotondo in Terra di Bari; Buccino e Castelluccio Cosentino in Principato Citra.

Nella categoria